Casa della trasparenza - Centro Commerciale Naturale CE.NA.CO. Siracusa

09/12/2018
Vai ai contenuti

Casa della trasparenza

NEWS > 2013
Casa della Trasparenza

(Siracusa 19 Marzo 2013) Franco Veneziano, presidente del CENACO Acradina Grottasanta, è stato invitato oggi a prendere la parola nella Casa della Trasparenza di via Montedoro. Veneziano ha consegnato idealmente le istanze dei commercianti siracusani al candidato sindaco Ezechia Paolo Reale.  
Franco Veneziano: “Siamo stati  i primi ad iniziare la storia dei Cenaco in Sicilia, adesso siamo in 380. Ma tante battaglie ancora si devono vincere. Il nostro punto di rifermento resta l’amministrazione locale e regionale in nome dello sviluppo del commercio, della viabilità, del Puc. Sul piano urbanistico dei trasporti, questa amministrazione è in ritardo anni luce. E di questo ne risente tutta la città. I CCN sono nati per dare un contributo per la riqualificazione del centro urbano e per il commercio sostenibile. La risposta è drammatica: in viale Tica sono 6 i negozi che hanno chiuso, 8 in viale Zecchino, 10 in viale Tisia e Pitia. Giace alla Regione l’85 per cento delle risorse che non si spendono. Il Cenaco piange le conseguenze di questa empasse. Abbiamo presentato il progetto di riqualificazione urbana Cenaco convergendo sull’ Asse 6  per 60  milioni di euro complessivi da investire , progetto approvato alla Regione da sei milioni di euro, eppure da tre anni fermo al palo. Abbiamo bisogno di un interlocutore comunale che parli con noi, il protocollo d’ intesa coi sindaci e con la Provincia alla fine non hanno sortito l’effetto voluto. Nessuno si indigna, non
segue mai un’ azione forte. Prima dell’avvento del commissario al Comune Giacchetti, come Cenaco stavamo per organizzare una iniziativa forte su tutto il territorio nei confronti dell’amministrazione, ossia un raggruppamento di tutte  le categorie del commercio pronte ad occupare il Vermexio e denunciare il nostro disagio. Questo perché siamo ritenuti commercianti inaffidabili dalle banche. Cosa chiediamo al nuovo sindaco? L’accesso al credito agevolato, la rivisitazione del fido, la cartellonistica selvaggia, l’ambulantato selvaggio, affitti d’oro che sono aumentati del 30 per cento. In una parola, abbiamo bisogno del rispetto delle regole e di un sindaco sensibile alle problematiche dei commercianti, un sindaco che non si dimentichi di questa fascia importante per l’economia della città. Non dobbiamo lasciare niente al caso. Siamo una categoria che non ha ammortizzatori sociali, solo disoccupati tra i dipendenti ma anche tra i titolari”.

Copyright © 2004/2018 - CE.NA.CO. Via Pitia, 23 - Siracusa - P.I. 01454060896 - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti